Meditazione del Solstizio d'Estate 2018

21/06/2018

Con il più profondo desiderio e augurio che ognuno di voi possa trovare lo spazio e il modo giusto di celebrare e festeggiare ritualmente il Solstizio d'Estate 2018, portando la sacralità nella vita quotidiana, condividiamo con voi la nostra meditazione.

 

 

Istruzioni per la celebrazione del Solstizio d’Estate 2018:

 

Trovate un posto ove poter celebrare questo momento magico annuale. Il miglior luogo è in mezzo alla natura, in un parco, in montagna, oppure nel vostro giardino, o ancora nel balcone, ad ogni modo il più possibile a contatto con gli elementi e non all’interno di quattro mura!

 

* Facoltativo: se potete accendete un Fuoco rituale, un piccolo falò, e nel suo perimetro a debita distanza, dei bei fiori come offerta, o delle conchiglie (che rappresentano la divina proporzione della natura e del DNA), delle pietre, gemme o cristalli. Offrite al fuoco degli incensi e un po’ di riso per richiamare la sua “Attenzione”.

Se non riuscite ad accendere un fuocherello, lo visualizzerete durante la meditazione ad occhi chiusi, in modo che lo creerete sul piano sottile!

 

Molto importante è ricordare che la celebrazione del Solstizio d’Estate non è fatta per “chiedere” nulla all’Universo, alla Natura, a Dio, agli Angeli, alle Guide Spirituali, ecc.

Il Solstizio d’Estate è un momento di festa, celebrazione, ringraziamento e preparazione al grande “raccolto” che ci sarà nel corso dell’estate. Ricordate che è un momento di celebrazione e “connessione” e non di desiderio.

 

 

 

«Tutti quelli che ringraziano per quello che già possiedono, otterranno lo stesso e ancor di più di ciò che è stato dato loro. E quelli che lo condividono anche, ne otterranno il doppio del doppio!»

 

Per questo motivo, sarà bene che ognuno prepari una bella lista di motivi (più lunga è e meglio è) in cui “Ringrazia” la Natura, Dio, l’Universo, l’Anima… per tutti i doni che la Vita gli ha fatto fino ad oggi a partire dallo scorso Solstizio Estivo.

Quanto siete cambiati? Quante cose sono avvenute in un anno? Anche gli ostacoli e le difficoltà vi hanno insegnato molte cose su voi stessi, la vostra vita, il vostro percorso. Quanta abbondanza c’è stata nella vostra vita, in tutti gli ambiti? Quanto la Natura vi ha nutriti ancora una volta, dandovi tutto, senza farvi mancare nulla? Vi accorgete che siete vivi grazie ad un costante afflusso di energie che vi viene donato dalla Terra e dal Cielo?

Anche avere una casa, dei riscaldamenti, dell’acqua, la salute del corpo, del cibo, dei mezzi per spostarsi, dei polmoni per respirare e degli occhi per guardare sono tutti motivi per i quali dovremmo ringraziare e renderci conto che non sono affatto “scontati” e secondari.

L’acqua che usiamo ogni giorno per lavarci, per bere, per cucinare, la terra che ci offre ogni tipo di frutto, cereale e legume. Tutti quelli che si cibano di carni e prodotti derivanti dagli animali devono cogliere questa occasione per ringraziare tutto il giornaliero e costante sacrificio che questi esseri fanno, in condizioni davvero indesiderabili, per permettere all’uomo di evolvere e progredire nella vita.

Ringraziare il Regno Animale per tutto ciò che dà ogni santo giorno, può diventare un modo molto potente per andare a guarire molte disarmonie interiori. Questo argomento verrà spiegato meglio e più approfonditamente in secondo luogo.

 

Muniti dei nostri oggetti magici (pietre, cristalli, amuleti, fiori, conchiglie e facoltativamente un fuoco acceso) troviamo un posto idoneo per la nostra Meditazione. Entriamo in armonia con questo luogo. Se eseguiamo la meditazione in gruppo, prima d’iniziare è bene fare un cerchio con le mani, sorridersi a vicenda, e intonare tre OM tutti insieme.

 

PRIMA PARTE: 15 MIN

 

Seduti e rilassati, chiudete gli occhi e rendetevi conto di dove siete e di dove si trova il vostro corpo… Fate otto respiri profondi. Inspirate dal naso, fate una piccola apnea, poi una lunga espirazione dalla bocca e di nuovo una piccola apnea prima del prossimo inspiro.

Pensate alla bellezza e la magnificenza della Natura: pensate agli alberi che amate di più, le colline, le vaste pianure, le foreste e i boschi. Pensate alle montagne che amate, il vento, e il mare. Pensate alle isole che più vi piacciono, gli scogli, gli oceani, l’acqua cristallina del mare. L’azzurro dei laghi. La magnificenza delle cascate, dei torrenti, dei fiumi. Pensate a tutti gli uccelli, gli animali, i minerali… le rocce, le pietre, le gemme… Sentite la magnificenza della Madre Terra. Quando sentite che provate Amore per quest’infinita sorgente di forza e bellezza, immaginate o sentite una sfera tra le vostre mani dove mettete tutto l’amore e la gratitudine che provate e poi inviate questa sfera direttamente alla Madre Terra, visualizzando il percorso della sfera verso il centro della Terra.

Quando la sfera raggiunge il cuore della Terra, sentite come, lentamente, anche la vostra Madre v’invia il suo Amore, sotto forma di un’energia frizzante, gioiosa e benefica, che vivifica ogni cellula e che lentamente inizia a risalire dai piedi verso la testa. A questo punto iniziate a strofinarvi le mani, l’una contro l’altra. In questo modo richiamate ancor di più l’energia dal Cuore della Terra.

 

Quando l’energia della Madre vi permea ed è salite fino al cranio, le vostre mani saranno molto calde. A questo punto usatele per ripulire la vostra aura, il campo energetico intorno al corpo e pulite anche il corpo, accarezzandovi ogni parte. Ripulite il corpo con le mani, come se doveste rimuovere della sporcizia, liberatevi da ogni vibrazione negativa che non vi appartiene. Inviatela nella Terra, dove la Madre la trasformerà facilmente. Poi, una volta che avete terminato, posate le vostre mani sulle cosce o sui braccioli della sedia, con i palmi rivolti verso l’alto.

 

Questo è il momento di entrare in connessione profonda con il Padre Celeste. Pensate al Cielo, al Celeste infinito del Cielo, l’azzurro brillante e il Sole che risplende oltre la terra. Poi immaginate un cielo notturno splendido e limpido. Tutto il cielo coperto di Stelle, la luce della Via lattea e dei miliardi di soli che si vedono ovunque. Pensate che lo Spazio è un essere Vivente! Tutta questa Luce del Padre, e le sue miliardi di galassie, è la sua vibrazione d’Amore. Sentite questo Amore infinito anche voi. Quando siete pronti mettetelo in una sfera di gratitudine e amore per il Padre, poi inviatela verso l’alto, verso il cielo, verso il Sole. Aspettate che il Padre senta questa vostra vibrazione e vi risponda di conseguenza, mandandovi il suo amore.

Iniziate a vedere questo Amore come Luce che arriva dall’alto verso il basso e prima di tutto “accende” un piccolo sole posto sopra di voi a 45 cm sopra la testa. Visualizzatelo o sentitelo semplicemente. Poi questa Luce scende a pioggia, davanti, dietro, lungo i lati. La Luce riempie e pulisce. Arriva fino ai piedi e poi si espande tutt’intorno a voi. Siete pieni di Luce e Amore del Padre.

 

Ora rendetevi conto che siete connessi con la Madre Terra e il Padre Cielo. E voi siete il loro figlio/a. La santa trinità è riunita qui e ora. Voi completate quel triangolo. Rimanete in quel triangolo di Padre, Madre e Figlio/a; rimanete uniti.

 

 

SECONDA PARTE 10 MIN

 

Ora prendete il vostro foglio con l’elenco di tutte le cose per cui siete grati e iniziate ad affermare: «Grazie per…». Es. Grazie per la salute, grazie per la vita, grazie perché respiro, grazie per il mio/mia compagno/a, grazie per i miei amici, grazie per l’acqua, grazie il mare, grazie per la natura, grazie per la conoscenza, grazie per gli errori, grazie per la mia automobile, grazie per la casa, grazie per il denaro, grazie per i genitori, grazie per i vestiti, grazie per l’amore, grazie per i fiori, grazie per il cibo… ecc.

Ringraziate per tutto quello che sentite sia giusto ringraziare!

 

Per concludere fate un canto, o da soli o insieme, con la musica o senza. Molto meglio se un canto di musica sacra, oppure dei Mantra. Se non siete avvezzi al canto, allora recitate semplicemente nove OM e chiudete la meditazione mangiando qualcosa di dolce. Magari condividendo con gli altri se siete in gruppo.

 

Non fate durare questo Rito per più di 25/30 minuti, vi porterebbe troppo in uno stato meditativo, mentre invece l’energia del Solstizio è molto materiale e celebrativa. Abbracciatevi e ringraziate.

 

«Tutti quelli che ringraziano per quello che già possiedono, otterranno lo stesso e ancor di più di ciò che è stato dato loro. E quelli che lo condividono anche, ne otterranno il doppio del doppio!»

Please reload

Copyright © 2019. Andrea Zurlini All rights reserved.

  • Facebook Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon